Dieta delle zuppe

In questa pagina vi proponiamo la dieta delle zuppe (souping) in tre versioni: da 1 giorno, velocissima, per sgonfiarsi subito e perdere un chilo, da 3 giorni per depurarsi e perdere due chili, da 5 giorni, per eliminare il surplus di tossine, fare una ricarica naturale di vitamine, sali minerali e fibre e perdere fino a tre chili.


Dieta delle zuppe: menù settimanale completo
Zuppe green

Zuppe dì verdura calde, gustose, per disintossicarsi a fondo, rigenerarsi e dimagrire. Il Souping o Soup Cleanse è la nuova versione "made in USA" del detox, il souping  è gratificante e saziante, anche se poco calorico.

 

E non a caso, fra le celebrità è molto popolare: oltre a Gwyneth Paltrow amano le zuppe green anche molte altre bellissime, fra cui top model come Miranda Kerr.

 

Snellenti ma anche vitalizzanti: le zuppe proposte nella dieta hanno diverse azioni sulla bellezza e sulla linea.

 

Le zuppe hanno pochissime calorie e un elevato potere saziante, anche grazie all'apporto di fibre.

 

Oltre a essere calde e quindi appaganti, riempiono lo stomaco e mantengono costante il livello della glicemia: aiutano a dimagrire rapidamente senza soffrire la fame.

 

In più la dieta delle zuppe nella sua versione più lunga, da 5 giorni, è perfetto anche per superare il plateau, ovvero il momento in cui, dopo un lungo periodo di dieta ipocalorica, non si riesce più a perdere peso.

 

Contrariamente a quello che si può pensare, durante la dieta delle zuppe non ci sono cali di energia. Ogni tanto per il corpo può essere utile prendere una pausa dai normali processi di masticazione e digestione dei cibi, sia pure per un tempo brevissimo.

 

Per questo ci si sente meno appesantite, più lucide, vitali. Inoltre i minerali delle verdure e della frutta, come il potassio e il magnesio danno carica e stimolano la produzione di collagene, sostanza che assicura l'elasticità della pelle nonché di antiossidanti ad azione antiage, tutti contenuti nei vegetali.

 

La dieta delle zuppe oltre che un corpo più definito e sottile regala anche un viso più bello, splendente. Questo è possibile grazie all'elevato apporto di vitamine, soprattutto A, E e C che proteggono i tessuti.

L'effetto detox della dieta delle zuppe è profondo.

 

Agisce in particolare sul pH interno del corpo, riportandolo in equilibrio. L'alimentazione scorretta, l'abuso di grassi e proteine animali, infatti, tendono a creare acidità nell'organismo. Quando il pH si altera compaiono molti disturbi.

 

Il primo è la stanchezza che spesso si accompagna a irritabilità e disturbi del sonno. Con l'acidosi si perdono anche parte degli enzimi che consentono di digerire e assimilare il cibo. Consumando più vegetali, alcalini, il metabolismo, e quindi la conversione del cibo in energia, al contrario migliorano.

 

In più frutta e verdura, grazie alle fibre e alla loro acqua "viva", riescono a stimolare dolcemente la funzionalità intestinale e la diuresi. Si eliminano facilmente le scorie. I gonfiori alle gambe si attenuano, la pancia diventa più piatta.

 

I tre programmi hanno tutti una forte azione depurativa ma un effetto diverso sulla perdita di peso. Ecco come individuare quello giusto.

 

DA 1 A 5 GIORNI: come scegliere la dieta più adatta.

Il programma si può seguire in tre versioni: da 1 giorno, da 3 giorni o da 5 giorni. Le calorie vanno dalle 1.000 circa delle diete più brevi alle 1.200 di quella più lunga.

 

La dieta da 1 giorno è pensata per chi vuole depurarsi, sgonfiarsi e perdere un chilo. È perfetta anche come "dieta di compenso" dopo un pranzo in cui si è ecceduto.

 

La dieta da 3 giorni ha un'azione disintossicante più intensa e permette di perdere 2 chili.

 

La dieta da 5 giorni, infine, fa perdere fino a 3 chili, favorendo l'eliminazione delle tossine e contrastando i gonfiori, soprattutto sulla pancia.

 

Stimola la funzionalità intestinale e riattiva il metabolismo. Comprende anche una porzione di proteine magre e una di cereali integrali (riso, quinoa, bulgur) a cena.

 

LE REGOLE.

In tutte e tre le diete i condimenti previsti sono gli stessi. Per condire e cucinare usare 2 cucchiai di olio extravergine di oliva al giorno. Aggiungere pochissimo sale e insaporire con spezie, aromi, basilico, rosmarino, menta.  

 

Non sono permessi zucchero, alcolici, bevande dolci e gasate, caffè, bevande a base di cola. Concesso il té verde, addolcito, se si desidera, con un cucchiaino di miele.

 

Come preparare le zuppe.

Le zuppe previste dalle diete sono light, anche se gustose. Per mantenere basso il valore calorico, senza togliere sapore, sono stati tagliati i condimenti grassi e le aggiunte di salse e formaggi che possono appesantire alcune ricette tradizionali.

 

Si consiglia di usare verdura fresca, di stagione, ben lavata. Per preparare la zuppa lessare le verdure già tagliate a pezzi, quindi, senza togliere l'acqua di cottura, ridurle in crema con un frullatore a immersione e condire con olio extravergine di oliva e aromi a piacere (rosmarino, prezzemolo, basilico...). Si possono conservare per alcune ore in frigorifero.

Tre diete con le zuppe green: menù da 1, 3, 5 giorni

Sponsorizzato

La dieta delle zuppe da 1 giorno.

Colazione tonificante: 30 g di avena cotta in acqua con aggiunta di 25 g di frutti rossi (mirtilli, ribes, lamponi) disidratati e un cucchiaino di miele; tisana al finocchio.

Oppure: centrifugato preparato con 1/2 banana; un'arancia; un kiwi, 2 mandarini; tisana al finocchio

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di noci oppure di mandorle sgusciate

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di zucchine, 100 g di carote, 100 g di porri.

Merenda energizzante: uno  yogurt  bianco frullato con 300 g di frutti di bosco (more, ribes, lamponi).

Cena rilassante: zuppa  di  verdure  preparata  con 100 g di cavolfiore, 100 g di spinaci, 200 g di zucca e 200 g di patate.

 

La dieta delle zuppe da 3 giorni.

PRIMO GIORNO

Colazione tonificante: 30 g di avena cotta in acqua con l'aggiunta di 25 g di frutti rossi (mirtilli, ribes,  lamponi)  e  un  cucchiaino di miele; tisana al finocchio.

Oppure: centrifugato preparato con 1/2 banana, un'arancia, un kiwi, 2 mandarini; tisana al finocchio.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di noci o di mandorle sgusciate.

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di zucchine, 100 g di carote, 100 g di porri.

Merenda energizzante: uno yogurt bianco frullato con 300 g di frutti di bosco (more, ribes, lamponi).

Cena rilassante: zuppa di verdure preparata con 100 g di cavolfiore, 100 g di spinaci, 200 g di zucca e 200 g di patate.

 

SECONDO GIORNO

Colazione tonificante: frullato preparato con mezza banana, un'arancia e 25 g di mirtilli; tisana alla cannella.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di noci sgusciate.

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di finocchi, 100 g di carote, 100 g di rapa rossa.

Merenda energizzante: frullato preparato con uno yogurt e 300 g di mirtilli.

Cena rilassante: zuppa di verdure preparata con 100 g di bietole, 100 g di zucca, 200 g di cavoli, 200 g di patate.

 

TERZO GIORNO

Colazione tonificante: frullato preparato con un bicchiere di latte di soia, 30 g di fiocchi d'avena, mezza mela, un cucchiaino di miele; tisana al finocchio.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di mandorle sgusciate.

Pranzo purificante: zuppa  di  verdure  preparata  con 100 g di zucchine, 100 g di finocchi, 100 g di cavoletti di Bruxelles.

Merenda energizzante: yogurt con 300 g di ribes.

Cena rilassante: zuppa  di  verdure preparata  con 100 g di spinaci, 100 g di cime di rapa, 200 g di zucca e 200 g di patate.

 

La dieta delle zuppe  da 5 giorni.

PRIMO GIORNO

Colazione tonificante: un bicchiere di latte di soia; 30 g di fiocchi d'avena; 25 g di mirtilli; tisana al finocchio.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di noci.

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di zucchine, 100 g di carote, 100 g di Porri.

Merenda energizzante: uno yogurt bianco frullato con 300 g di frutti di bosco (more, ribes, lamponi).

Cena rilassante: passato di zucca e quinoa preparato con zucca lessata e frullata (200 g) con 50 g di quinoa lessata, olio e aromi; 250 g di filetto di halibut al vapore.

 

SECONDO GIORNO

Colazione tonificante: frullato preparato con ½ banana e un'arancia; tisana alla cannella.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di noci.

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di finocchi, 100 g di carote, 100 g di rapa rossa.

Merenda energizzante: uno yogurt e 300 g di mirtilli.

Cena rilassante: passato di spinaci e orzo preparato con 100 g di spinaci lessati e frullati, 50 g di orzo lessato, olio e aromi; 200 g di pollo al vapore.

 

TERZO GIORNO

Colazione tonificante: un bicchiere di latte di soia; 30 g di fiocchi di avena; mezza mela; tisana al finocchio.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt alla frutta con 25 g di mandorle sgusciate.

Pranzo purificante: zuppa di verdure preparata con 100 g di zucchine, 100 g di finocchi, 100 g di cavoletti di Bruxelles.

Merenda energizzante: uno yogurt con 300 g di ribes.

Cena rilassante: passato di broccoli e miglio preparato con  100 g di broccoli lessati e frullati, 50 g di miglio lessato, condito con olio e aromi; 2 uovo sode.

 

QUARTO GIORNO

Colazione tonificante: un bicchiere di latte di soia; 30 g di fiocchi di avena; mezza mela; tisana alla cannella.

Spuntino vitalizzante: uno yogurt con 25 g di noci.

Pranzo purificante: zuppa  di  verdure  preparata  con 100 g di zucchine, 100 g di carote, 100 g di porri.

Merenda energizzante: frullato con  uno yogurt bianco e 300 g di frutti di bosco.

Cena rilassante: passato di zucca e riso preparato con 200 g di zucca bollita e frullata, 50 g di riso integrale bollito, olio e aromi; 120 g di ricotta fresca.

 

QUINTO GIORNO

Colazione tonificante: frullato con mezza banana, un'arancia, 100 g di lamponi; tisana alla cannella Spuntino vitalizzante: uno yogurt; 25 g di noci sgusciate.

Pranzo purificante: zuppa  di  verdure  preparata  con 100 g di finocchi, 100 g di carote, 100 g di rapa rossa.

Merenda energizzante: uno yogurt con 300 g di mirtilli.

Cena rilassante: zuppa di carote e bulgur preparata con  100 g di carote bollite e frullate, 50 g di bulgur bollito, olio, pepe e aromi; 120 g di salmone affumicato.

Mantenimento

Sponsorizzato

Terminata la dieta delle zuppe si può proseguire con un programma di mantenimento da 15 giorni per stabilizzare i risultati e perdere ancora un chilo, aggiungendo a pranzo una porzione da 60 g di pasta o riso o farro oppure 50 g di pane integrale e un cucchiaio di olio al giorno per condire e cucinare.

 

Si dovrebbe poi cercare di consumare una zuppa al giorno, meglio se alla sera.

 

Leggi anche: Dieta del minestrone bruciagrassi

 

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 0