Dieta senza grassi

Le classiche diete, qualsiasi nome abbiano, portano a successi di breve durata. Dopo poco tempo la maggior parte delle persone si ritrova addirittura più chili su pancia e vita di quanti ne avesse prima della dieta.


Dieta senza grassi
Eliminare i grassi dalla dieta

L'effetto yo-yo è diventato ormai il termine usato per descrivere questo fenomeno. Ma perché è così?

 

Durante la dieta si cerca, in breve tempo, di perdere il maggior peso possibile. E ciò accade solo attraverso la rinuncia.

 

Ma nessuna persona può rinunciare in continuazione. Prima o poi arriva l'attacco di fame e con esso la ricaduta nel vecchio stile di vita e nelle vecchie abitudini alimentari.

 

Ecco perché un'alimentazione sana e bilanciata, che tenga d'occhio la quantità di grassi, è molto meglio di una dieta e permette di arrivare lentamente a un successo che si mantiene nel tempo. Senza rinunce, ma con la testa.

 

Chi sceglie con astuzia il proprio cibo privilegia i metodi di cottura corretti e aumenta il consumo di alimenti brucia grassi come la frutta e la verdura, si avvicina passo dopo passo al proprio peso forma e modifica lentamente, ma in modo duraturo, il proprio stile alimentare.

Come diminuire i grassi nella dieta

Sponsorizzato

Diminuire i grassi nella dieta di ogni giorno.

La spesa.

Non andate a fare la spesa con lo stomaco vuoto e preparate prima la lista dei cibi da comperare, per poi attenervi strettamente a questi. Non cedete alla tentazione di fronte ai cibi pronti e alle trappole dei grassi.


Quando scegliete la carne, preferite fettine magre, bistecche o pezzi di carne per arrosto e, per quanto riguarda il pollame, pezzi senza pelle. In questo modo si possono risparmiare molti grassi.


Tra i latticini e i formaggi si trovano spesso numerose varianti con diverso contenuto di grassi. Inoltre la quantità di grassi è indicata in grammi sulla confezione.

 

Scegliete insomma con attenzione e preferite le varianti. Cucinare in casa.

Non misurate mai i grassi per cuocere a occhio, ma con un cucchiaino. Chi cucinando utilizza anche solo 1 cucchiaio in meno, risparmia 9 grammi di grassi! Ricordate che anche un cucchiaino di burro apporta già circa 4 grammi. Per fare in modo che il cucchiaino di olio si sparga ben bene nella padella, spalmatelo con un pennello.

 

Tranelli nella cottura: friggere e arrostire portano con sé molti grassi.

Preferite più spesso di quanto facevate prima delle alternative con meno grassi, o del tutto prive, come lessare, cuocere al cartoccio, cuocere al vapore, stufare, cuocere nel sacchetto o al salto a fuoco vivo. Se però per una volta volete friggere, lasciate sgocciolare ben bene gli alimenti fritti su della carta da cucina.

 

Per legare le salse non è obbligatorio usare la panna o la crème fraìche. E non tutte le salse devono essere montate con il burro. Una variante gustosa e priva di grassi è frullare il tutto con le verdure lessate. In questo modo le salse si amalgamano senza che si noti l'assenza dei grassi.


Come addensanti si possono anche utilizzare fecola o una patata cruda grattugiata. Per arricchire le salse utilizzate più spesso lo yogurt, la panna acida e la panna a basso contenuto di grassi.

 

Ma fate attenzione: queste varianti con pochi grassi tendono a coagulare velocemente. Amalgamatele alla salsa non più bollente solo poco prima di servire.


E per un'alimentazione povera di grassi, che però non rinunci al gusto (purtroppo i grassi sono degli esaltatori di sapori), aumentate l'uso di erbe aromatiche e spezie. Sperimentate e lasciatevi sorprendere!

 

Anche le salse asiatiche o le salse a base di pesce danno molto gusto e O grammi di grassi. E lo stesso vale per la senape. Potete insaporire i gratin e gli sformati sostituendo la metà del formaggio con un miscuglio di pangrattato ed erbe aromatiche. Allungate il condimento delle insalate a base di aceto e olio con poca acqua: in questo modo risparmierete velocemente un po' di grassi.

 

Una buona alternativa alle patatine fritte fatte in casa sono le patate a spicchi, cotte al forno. Basta pelare le patate, tagliarle a spicchi e mescolarle con 2 cucchiaini d'olio per ogni chilo di patate e poco sale. Distribuitele su una teglia ricoperta con carta da forno e infornatele a 200 °C per circa 20 minuti. Deliziose!

Consigli per dimagrire senza grassi

Sponsorizzato

Mangiare fuori.

Al ristorante, rinunciate all'aperitivo, non contiene grassi, ma stimola l'appetito e rallenta lo smaltimento dei grassi.

 

Il fingerfood può essere una vera trappola: si fa presto a perdere il conto di quello che sì è mangiato, di frequente vengono utilizzati metodi di cottura e ingredienti ricchi di grassi (es. alimenti fritti).

 

Non recatevi affamati al ristorante o a un invito. L'apprezzato "benvenuto" che viene dalla cucina, come il burro alle erbe, l'olio di oliva o la salsa aioli serviti con il pane bianco, è una trappola carica di calorie e grassi.

 

Molte salse sono delle vere bombe di grassi: la salsa hollandaise, l'aioli, la maionese, la bernese ne contengono moltissimi. Anche i condimenti per le insalate possono rendere l'insalata, di per sé magra, una vera bomba calorica.

 

Meglio farsi portare il condimento a parte e distribuirlo poi a cucchiai sulle pietanze. Per le insalate potete farvi portare aceto e olio separatamente.

In questo modo potrete valutare meglio quanti grassi assumete.

 

Anche la scelta del sugo per condire la pasta è fondamentale: preferite una fruttata salsa di pomodoro, un sugo all'arrabbiata o alla puttanesca al posto

di quelle con creme al formaggio e alla panna, come la salsa ai quattro formaggi o al gorgonzola. Anche le diverse varianti di pesto contengono molti grassi.

Andate spesso nei ristoranti orientali. La cucina asiatica è nota per essere povera di grassi.

 

In generale: pesci o frutti di mare lessati, cotti alla griglia o al cartoccio vanno benissimo, come il filetto o le ricette

di pasta con le verdure. Evitate corposi intingoli e salse e preferite piuttosto una porzione extra di verdure.

 

Colazione, pranzi al sacco & Co.

Il muesli sazia a lungo e, a colazione, è una buona base di partenza per la giornata. Il muesli pronto alle noci tuttavia contiene il doppio di calorie rispetto a un muesli alla frutta. È meglio quindi se preparate il vostro muesli in casa. L'ideale è uno di base al quale aggiungere a piacere altri ingredienti. In questo modo avrete il controllo di quanta frutta secca aggiungete.

 

Non utilizzate il burro appena tolto dal frigorifero. Se il burro è morbido è più semplice spalmarne uno strato sottile sul pane. E chi lo ha detto poi che non si può fare a meno del burro? Al suo posto potete anche provare quark magro, senape, crema di peperoni oppure concentrato di pomodoro.

 

Provate a farcire il vostro panino in un modo diverso: al posto di salumi e formaggio è ottimo anche un quark alle erbe preparato in casa. Se poi si aggiungono anche delle fette di pomodoro e di cetriolo o dei ravanelli, il panino sventa invitante anche dal punto di vista estetico, sazia a lungo, contiene preziose vitamine ed è buono.

 

Mangiate ogni giorno 5 porzioni di frutta e verdura, crude o cotte.

Non solo assumerete una grande quantità di vitamine e minerali, ma aumenterete anche la quantità di alimenti senza grassi nel vostro menu. Se ogni pasto prevede la presenza di frutta e verdura, diventa nel complesso più povero di grassi e più sano.

 

Riducete la parte più calorica dei vostri piatti a favore di verdure, riso e patate.

Vi sentirete anche più soddisfatti se la cotoletta sarà un po' più piccola e al suo posto mangerete 2-3 patate lesse in più.

 

Spizzicare davanti alla TV

Alle volte si sente proprio il bisogno di uno snack, altrimenti ne va del buonumore. Davanti alla TV, sul divano, è un classico desiderare qualcosa da sgranocchiare. Anche in questo caso esistono numerose alternative alle più grasse bombe caloriche. Speriamo di avervi dato degli utili suggerimenti e consigli per risparmiare sui grassi senza rinunciare al piacere. 

Buon appetito!

 

Articoli correlati:

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 0