FastReset il metodo per dimagrire

Basta! mi "resetto" e  dimagrisco. Chi vuole perdere peso se lo ripete spesso. Ma poi c'è la cena con gli amici, la rabbia per qualcosa che non va e... salta tutto. Con il FastReset, il nuovo metodo della dottoressa Maria Grazia Parisi, la volontà avrà la meglio.


Dimagrire con il metodo FastReset della dottoressa Parisi
FastReset il metodo per dimagrire

Dopo una giornata pessima come questa, altro che dieta! Mi merito una pizza, almeno mi tiro su il morale. Quante volte la nostra vocina interiore ci ha parlato in questo modo? Dopo una giornata di lavoro in cui la soddisfazione e l'appagamento sono pari a zero.

 

Oppure di sera, davanti alla televisione quando siamo da sole e la pancia reclama un dolcino (e ci diciamo "ma sì che me lo merito!"). O al pub con gli amici mentre tutti si abbuffano di patatine, noccioline, pizzette e ci sentiamo tagliate fuori.

 

È un attimo: l'emozione prende il sopravvento e scardina qualunque progetto fatto in precedenza, con una potenza che difficilmente riusciamo a contrastare. E così, addio dieta.

 

Il meccanismo che più spesso boicotta i progetti di dimagrimento si chiama "fame nervosa" ed è quell'istinto a consumare il cibo sulla scia degli stati d'animo, anziché della necessità di nutrirsi. È un modo di mangiare molto comune.

 

Il cibo è per noi esseri umani soprattutto un fenomeno emozionale. In molte famiglie fin da piccoli viene usato come strumento per comunicare affetto, tenerezza, amore, ma anche regole, rimproveri, proibizioni e conflitti. Col tempo dunque impariamo che mangiare non è solo un mezzo per farci "stare in piedi", ma un modo per mantenersi care le persone che stanno con noi, uno sfogo, una consolazione, una pausa.

 

Ed effettivamente quando mangiamo con questo scopo l'effetto appagamento è immediato, sia perché il cibo da piacere (soprattutto se è quello più ricco di zuccheri e grassi) e in più perché soddisfa in fretta e a buon mercato il bisogno emotivo che avevamo. Il problema è che usato in questo modo il cibo porta a prendere peso, molto peso. E finché non si spezza questo meccanismo non si riesce a tornare indietro.

 

Non ascoltare l’istinto che spinge a mangiare.

In effetti nell'epoca della cucina gourmand, della convivialità del mangiare e dell'abbondanza di comfort-food che "lusingano" il palato dando un immediato mix di gusto, piacere e dipendenza è difficile recuperare il senso del mangiare solo come forma di nutrimento e non di appagamento delle emozioni, qualunque esse siano.

 

Eppure, la dottoressa Parisi ha messo a punto negli ultimi 10 anni di terapia un metodo che ha chiamato FastReset, utile in tutti quei casi in cui le emozioni bloccano i processi di cambiamento della persona, impedendo di liberarsi di alcune dinamiche sbagliate e stare meglio.

 

La natura ci ha fatti così. Quando è in corso un'emozione o una reazione emotiva, per esempio quella che secondo noi verrà indubitabilmente appagata da un bel morso a un dolce fuori programma o a una barretta di cioccolato, la componente razionale del nostro cervello, quella che voleva perdere qualche chilo e rientrare in quel bel vestitine, per intenderci, è tenuta sotto sequestro.

 

Non sto scherzando, è proprio come imbavagliata dalla componente emozionale del cervello, che è quella più antica, ancorata all'istinto di sopravvivenza e alla granitica volontà di procurarsi il piacere e di evitare dolore e sofferenza. È in questi casi, quando cioè l'emozione prende il sopravvento, che ci vuole qualcosa che aiuti la razionalità a farsi sentire e a essere presa in considerazione, malgrado le sensazioni che si stanno provando.

 

La tecnica FastReset fa proprio questo: spiazza il cervello emotivo per riprendere il controllo razionale e rispettare le intenzioni che si avevano. Ad esempio, dimagrire davvero e seguire con rigore un piano dietetico.

Come funziona il metodo FastReset per dimagrire

Sponsorizzato

Boicottare le emozioni e ascoltare la parte razionale che dice "stai seguendo la dieta, non mollare!": è questo l'obiettivo da perseguire. La dottoressa Parisi spiega come funziona in pratica la tecnica FastReset e come usarla come se fosse un "pronto-intervento" nel momento dell'emergenza-fame nervosa.

 

1. Per prima cosa bisogna capire qual è l'emozione che fa da "grilletto" e che porta a mangiare. Non è facile, perché non tutti sono abituati a dare un nome alle proprie emozioni e soprattutto ad ammetterle a se stessi.

 

È frustrazione? Solitudine? Bisogno di affetto? Volontà di appartenenza a un gruppo? Se non riuscite a definirlo, provate almeno a puntare l'attenzione sul disagio che provoca: ansia, urgenza, frenesia, tensione nervosa e muscolare, ecc.

 

2. A questo punto bisogna riuscire a integrare le informazioni mancanti. Prendete tempo e rispondete a una semplice domanda: qual è l'azione di recupero delle energie, di riequilibrio o di salvaguardia che sono

spinta a fare?

 

3. Spostate totalmente la concentrazione e l'attenzione per alcuni secondi mettendo in atto una specie di manovra diversiva per il cervello emotivo. Il metodo migliore per riuscirci è indirizzare l'attenzione su alcuni punti del corpo, in modo da invertire la priorità del cervello, passando dalla modalità emotiva (obbligata) a quella deliberata.

 

Focalizzatevi sulle vostre mani: guardatele, percepitene i movimenti, osservatele mentre si muovono. Non occorre altro che lasciare che l'attenzione venga assorbita da questo compito banale, e attendere una decina di secondi o l'emissione di un respiro più profondo.

 

4. Rivalutate l'emozione di prima. Come vi sentite ora? Più calme? Se c'è ancora un po' di tensione o agitazione, ripetete semplicemente la sequenza, una, due volte o quante necessarie. Alla fine, se vi fa piacere, potete dichiarare mentalmente o ad alta voce (se siete sole) che l'emozione di prima non vi serve più si può anche lasciare andare, per esempio così: "Lascio andare dalla mia emozione di... tutto quello che non mi serve, non mi interessa e non mi appartiene più".

 

Se avete seguito con precisione le istruzioni, nel giro di uno o due minuti potreste stare già meglio, e aver abbandonato l'istinto a soddisfare il bisogno di mangiare. Avrete recuperato centratura, lucidità e (di solito) anche un po' di relax.

 

Non solo: con ogni probabilità, avrete anche una visione diversa dell'intera situazione, e vi sentirete soddisfatte dei progressi fatti nel vostro progetto di perdere definitivamente il peso in più.

Il libro di Maria Grazia Parisi: Dimagrire con il FastReset

Sponsorizzato

La dottoressa Maria Grazia Parisi, medico e psicoterapeuta, autrice del nuovo libro “Guarisci il tuo passato, cambia il tuo futuro”, (Sperling & Kupfer).

 

Le diete spesso non funzionano perché il vero problema è la fame emotiva. Capita anche a te di usare il cibo come consolazione, calmante, conforto, sfogo? E quando lo fai non riesci a fermarti neanche esercitando la tua più ferrea forza di volontà? È normale: le emozioni sono più forti anche della tua parte razionale.

 

L'esclusivo metodo FastReset  della dottoressa Maria Grazia Parisi permette di interrompere il circolo vizioso che associa l'emozione, rabbia, ansia, tristezza, noia, frustrazione, al gesto di mangiare, e di neutralizzare questo schema dannoso.

 

Testata in centinaia di casi con successo, il metodo FastReset ottiene il risultato in pochi minuti e risolve le emozioni negative, senza alcun effetto collaterale, e per sempre. Pochi, semplici passi ti restituiscono un rapporto sereno con il cibo e ti liberano dei chili di troppo.



Commenti: 0