Cipolla: proprietà e benefici

La cipolla (Allium cepa) appartiene alla famiglia delle Liliacee e ha forti proprietà antibiotiche. Presenta un grosso bulbo rotondo e all'apice del fusto, che può raggiungere il metro di altezza, si trova un'infiorescenza di forma sferica, formata da numerosi fiori di colore dal bianco al porpora.


Proprietà e benefici della cipolla
Cipolla

Le proprietà terapeutiche della cipolla sono note fin dall'antichità e si esplicano al meglio se viene consumata cruda, ma in questo senso un grosso ostacolo è costituito dal gusto e dall'odore caratteristico.

 

Varietà di cipolla e principi attivi.

Esistono numerose varietà di cipolla in relazione a colore, forma e dimensione del bulbo o alla stagione di raccolta.

 

La cipolla estiva è originaria dell'Iran e venne importata nel continente europeo dai Romani; la varietà invernale, raccolta a fine estate e conservata per l'inverno, è più delicata nel gusto e proviene dalla Siberia.

 

Le spiccate proprietà antibatteriche della cipolla, indipendentemente dalla varietà, derivano principalmente dai disolfuri allilici da cui si formano l'allicina e la cicloalliina.

 

Anche il solfuro di allile, responsabile delle tante lacrime che si versano in cucina, ha proprietà antisettiche.

 

La cipolla non è solamente un potente antibiotico naturale, ma anche dispensatrice di vitamine, sali minerali e altri oligoelementi: nel bulbo sono presenti le vitamine A, B1, B2, C, E e l'acido nicotinico, minerali come calcio, magnesio, manganese, fosforo e ferro, alcune proteine e altre sostanze cardioprotettive. 

 

Valori nutrizionali medi per 100 g di cipolle.

Acqua 92, 1 g

Zuccheri 5,7 mg

Potassio 140 mg

Fosforo 35 g

Calcio 15g

vitamina C 5mg

Calorie  26

Le proprietà curative della cipolla.

Sponsorizzato

Spesso sottovalutate, le cipolle nascondono sorprendenti proprietà.

 

ANTITROMBOTICHE.

Le cipolle sono un rimedio naturale per la prevenzione delle malattie trombotiche. Secondo alcuni studi scientifici, infatti, sembrano svolgere un'azione simile a quella dell'acido acetilsalicilico (aspirina), abitualmente utilizzato per la prevenzione di infarti e ictus.

 

UN AIUTO DEPURATIVO.

L'abbondante presenza di acqua (92%), potassio e acido glicolico rendono le cipolle non solo diuretiche ma anche depurative, di particolare utilità quando la ritenzione idrica causa gonfiore e accumulo di liquidi negli arti inferiori. In veste disintossicante, invece, le cipolle rendono al meglio in forma di infuso.

 

ALLEATE DELLA PROSTATA.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista «Urology», le cipolle svolgono un ruolo protettivo sulla ipertrofia prostatica, rallentandone la crescita. Sembra anche che abbiano un'influenza positiva nel ridurre il rischio di comparsa del tumore prostatico, oltre a proteggere da quello del seno, dell'esofago e del cavo orale, grazie alla presenza di una sostanza chiamata "disolfuro di diallile".

 

La cipolla stimola tutti gli organi dell'apparato digerente e tutte le ghiandole, risolve problemi di ritenzione idrica e migliora la circolazione sanguigna. Abbassa inoltre i valori di colesterolo nel sangue, prevenendo l'aterosclerosi e gli infarti. Contiene sostanze simili all'insulina in grado di regolare i valori della glicemia, tanto da fare della cipolla un valido supporto terapeutico nella cura del diabete.

 

Apparato digerente.

Le persone che soffrono di cattiva digestione possono assumere la cipolla cotta, più tollerabile ma con minori proprietà curative; chi invece non ha problemi di bruciore o acidità di stomaco dovrebbe consumarla cruda.

 

Nel valutare il vostro grado di tollerabilità, considerate che questi problemi possono essere collegati a un'esigua produzione di acidi gastrici: in questo caso il cibo non viene digerito nei tempi e modi fisiologici, ma staziona più a lungo nello stomaco, dove fermenta e libera acidi nocivi.

 

La cipolla cruda uccide i batteri patogeni presenti all'interno di intestino e stomaco, fortifica i batteri saprofìti, stimola la secrezione biliare e favorisce la digestione in genera 

Reni e vescica.

Nel caso di problemi dell'apparato urinario una cura a base di cipolla cruda può dare molti risultati. Batteri responsabili di infezioni a carico dei reni e della vescica vengono annientati o inibiti dai principi attivi che essa contiene, mentre la sua azione diuretica la rende ideale per chi soffre di affezioni alle vie urinarie.

 

L'effetto diuretico comporta anche un'azione depurativa del sangue: mangiatela all'inizio della primavera se volete disintossicarvi dagli accumuli invernali. Una cura a base di cipolla riduce gli edemi, e sono stati segnalati casi in cui è servita a dissolvere piccoli calcoli renali. Infine è utilissima per ridurre infiammazioni della prostata.

 

Apparato cardiovascolare.

La cipolla tonifica il muscolo cardiaco e stimola la circolazione sanguigna coronarica. Il suo benefico effetto sul cuore probabilmente è legato anche ai suoi poteri antibiotici: alcuni studi recenti hanno ipotizzato un coinvolgimento di  batteri patogeni nella formazione delle placche aterosclerotiche.

 

Tosse, raffreddore e malanni di stagione

Le proprietà antibatteriche della cipolla vengono messe in risalto in caso di affezioni alle vie respiratorie: raffreddore, influenza, faringite, laringite e sinusite. Il succo è un valido espettorante e mucolitico, ottimo per lenire la tosse, ridurre la raucedine e guarire le bronchiti. Grazie alla capacità di stimolare il sistema immunitario, la cipolla esercita anche un'azione preventiva nei confronti di questi malanni.

 

Proprietà antitumorali della cipolla

Sono state ipotizzate per la cipolla alcune proprietà protettive contro l'insorgenza dei tumori. Tutte le piante contengono sostanze, dette fitoregolatori, che intervengono sui processi di crescita e sviluppo delle piante in base alle condizioni ambientali, inibendo o stimolando la crescita di germogli, fiori e frutti.

 

Se siano in grado di prevenire lo sviluppo o inibire la crescita delle cellule tumorali non è ancora stato provato, ma studi condotti nel corso degli anni 30 in Bulgaria, Romania, Serbia e Cina, paesi a elevato consumo di aglio e cipolla crudi, hanno evidenziato percentuali molto minori di ammalati di tumore.

Tinture e sciroppi preparati con la cipolla.

Sponsorizzato

Prescrizioni e posologie

 

Uso esterno.

Nel caso di punture di insetti, verruche, foruncoli, ascessi o ustioni si può intervenire applicando sulla parte interessata alcune fette di cipolla cruda.

 

Quando siete raffreddati, mettete sul comodino della stanza da letto un piatto con della cipolla cruda, in modo da inalarne i benefici oli essenziali durante il sonno.

 

Per contusioni e stiramenti muscolari, tritate una cipolla e mescolatela a un po' d'acqua e sale fino a ottenere una poltiglia densa, che applicherete sulla parte dolorante.

 

Tintura vinosa.

Se desiderate sfruttare l'azione diuretica della cipolla associata a una cura depurativa dell'apparato urinario vi consigliamo la tintura vinosa. 

 

Tritate finemente una cipolla del peso di circa 50 g e lasciatela macerare per 10-14 giorni in 1 lt di vino bianco secco.

 

Filtrate e unite anche il succo ottenuto dalla spremitura dei pezzetti di cipolla macerata. Conservate la tintura in un luogo buio e fresco e bevetene da 2 a 3 bicchierini da liquore il giorno.

 

Questo preparato è molto valido anche in caso di affezioni alle vie respiratorie. L'effetto diuretico può essere incrementato aggiungendo alla ricetta 2-3 cucchiai da tavola di foglie di rosmarino fresco: a un gusto più intenso si accompagnerà una maggiore stimolazione della circolazione periferica, che facilita la riduzione degli edemi.

 

Sciroppo.

Tritate finemente una cipolla e unitela a 125 ml di acqua e 3 cucchiai da tavola di miele. Portate il composto a ebollizione, spegnete la fiamma e lasciate riposare per alcune ore.

 

Filtrate e spremete bene la parte solida raccolta nel colino. Prendete un cucchiaio da tavola di questo sciroppo 3 volte il giorno.

 

Per una maggiore efficacia potete aggiungere un cucchiaino da té di foglie e fiori di timo, oppure un cucchiaino di rafano.

 

Nel primo caso si aumenta il potere fluidificante, nel secondo quello decongestionante. Lo sciroppo è di solito gradito anche ai bambini.

 

Tintura.

La tintura alcolica trova impiego se avete bisogno di sottoporvi a una cura intensiva. 

 

Tritate finemente una cipolla del peso di circa 50 g e unitela a 250 ml di alcol al 70%.

 

Lasciate macerare per 10-14 giorni, filtrate e spremete bene i pezzetti di cipolla prima di gettarli. Prendetene 4 cucchiaini da té il giorno, diluiti con un po' d'acqua. 

Controindicazioni della cipolla.

Controindicazioni.

L'unica controindicazione è per chi soffre di reflusso gastroesofageo. Le cipolle infatti, come anche l'aglio, facilitano l'apertura del cardias, esponendo l'esofago a un maggior rischio di risalita del contenuto acido gastrico.

 

Mondare la cipolla può essere un'operazione un po'fastidiosa, perché si sprigionano delle sostanze che fanno lacrimare gli occhi per l'odore intenso. Così però si beneficia di tutte le sue proprietà: la cipolla cruda, infatti, mantiene intatti tutti i suoi nutrienti, al contrario di quella cotta.

 

Leggi anche: Le piante curative

 

Sponsorizzato


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    ytg (giovedì, 10 luglio 2014 20:27)

    vjhg