Dieta dell'uovo sodo

La dieta dell'uovo sodo come simbolo della categoria di diete monotone incentrate su un solo cibo, che periodicamente spuntano dal nulla e iniziano a passare di mano in mano o di sito in sito e di cui nessuno rivendica la paternità. 


Dieta dell'uovo sodo
Uova sode

La dieta dell'uovo sodo è basata sull'assunto secondo cui quando si può mangiare un alimento in quantità libera, anche il più ghiotto o calorico, dopo un po' ci si stufa, sopravviene il disgusto e non avendo altro di che nutrirsi si dimagrisce per forza. 

 

Sfruttando lo stesso metodo si può inventare un numero infinito di diete dimagranti, da quella della salsiccia a quella dello zabaione.

Dieta dell'uovo sodo: esempio di menu

Sponsorizzato

La dieta dell’uovo è diventata sempre più popolare grazie ai risultati che alcune personaggi noti sono riusciti ad ottenere.

 

Si può dimagrire mangiando solo uova?

 

Le uova per la colazione.

Un piccolo pezzo di pollo alla griglia per pranzo.

Un piccolo pezzo di pesce con verdure al vapore per la cena.

 

La versione più popolare della dieta dell’uovo sodo in realtà non consiste nel mangiare solo uova.

 

In questa versione della dieta si mangia:

Due o più uova per la colazione insieme, pompelmo, verdure a basso contenuto di carboidrati o proteine magre.

 

Il pranzo comprende una porzione di uova e una piccola porzione di proteine magre come il pesce o pollo.

 

La cena comprende una porzione di uova e una piccola porzione di proteine magre come il pesce o pollo.

 

Insalate e verdure a basso contenuto di carboidrati sono generalmente consentite.

 

La frutta è sono limitata a 1-2 porzioni al giorno.

 

Cibi ricchi di carboidrati come pane, pasta e patate sono rigorosamente limitate.

 

Dieta uovo e pompelmo.

Un'altra versione della dieta si chiama “dieta uovo e pompelmo” e si deve mangiare mezzo pompelmo ad ogni pasto, il resto della dieta è molto simile a quello descritto sopra.

 

Dieta solo uova sode.

La versione più estrema della dieta consiste nel mangiare solo uova sode e bere acqua potabile.

Sui pro non ci sono dubbi. Non è facile trovare un altro alimento che concentri in circa 70 kcal tante sostanze nutritive: proteine di ottima qualità, minerali come ferro e zinco, vitamine, in particolare del gruppo B e la D (di cui le uova rappresentano una delle poche fonti alimentari significative).

 

A tutto questo si aggiunge una buona capacità di saziare, confermata in una ricerca pubblicata dall’International Journal of Food Sciences and Nutrition: studiando 30 adulti sani si è visto che il consumo di un pranzo a base di un’omelette di due uova procurava un senso di sazietà maggiore rispetto a quello di un pasto con lo stesso apporto energetico ma più ricco di carboidrati.

CONTENUTO DI GRASSI NELLE UOVA

Sponsorizzato

E il colesterolo? Sebbene il contenuto di colesterolo dell’uovo sia stato ricalcolato, calando di un quarto rispetto alle valutazioni passate, questo alimento resta tra quelli che ne contengono di più, circa 185 mg per un uovo medio. 

 

Si consiglia per le persone sane di mantenere il consumo di colesterolo al di sotto dei 300 mg al giorno, che scendono a 200 mg per chi ha alti livelli di colesterolo LDL («cattivo»), è affetto da diabete o da patologie cardiovascolari».

 

Le classiche due uova al tegamino, quindi, sono troppe?

 

Due uova al burro forniscono ben più di 300 mg di colesterolo e anche quantità significative di acidi grassi saturi, dovute al burro, che influiscono sul colesterolo ematico assai più del colesterolo stesso.

 

A chi consuma due uova insieme, consiglio di prepararle con olio extravergine d’oliva, ma meglio sarebbe limitarsi ad uno solo al giorno, per non più di quattro volte alla settimana.

 

Per aumentare il volume si può, semmai, aggiungere l’albume, che apporta proteine ma non colesterolo, contenuto tutto nel tuorlo.

 

Per preparare le uova sode in modo perfetto, la prima cosa da fare è eseguire un buchino nella parte più rotonda dell’uovo, con uno spillo, in maniera che esca l’aria ma senza rompere il guscio in questo caso.

 

Poi bisogna mettere in una padella l’acqua a bollire. E quando è giunta ad ebollizione, si immergono le uova così come sono state fatte, si abbassa il fuoco e si lascia bollire fino al grado di cottura desiderata, che può andare dai sette/otto minuti fino a non più di dodici.

 

Se l’uovo sodo proviene dalla temperatura dell’ambiente, come solitamente quando lo acquistiamo, la cottura deve essere più breve che per le uova conservate in frigorifero.

 

Come riconoscere le uova fresche.

 

Le uova si dividono in 3 classi: la "A" indica uova fresche, non lavate, né refrigerate o sottoposte a trattamenti di conservazione, imballate entro 28 giorni dalla deposizione; quando compare anche la dicitura "extra-fresche" vuoi dire che sono state imballate entro 9 giorni dalla deposizione; le "B" sono uova di seconda qualità o conservate (refrigerate a temperatura inferiore a 5° C) e insieme alle "C" sono destinate solo all'industria alimentare.

 

Il codice stampato sul guscio indica, come detto, la tipologia di allevamento (dallo 0 del biologico al 3 delle batterie), seguito da una sigla che indica il paese di provenienza (scegliete IT per uova di origine italiana); i numeri restanti permettono di identificare il singolo allevamento che le ha prodotte.

 

Per scoprire se un uovo è fresco, basta immergerlo in acqua fredda e sale; se è fresco, si depositerà sul fondo; se galleggia, vuoi dire che la camera d'aria interna è aumentata e quindi che l'uovo è vecchio.

 

Il guscio deve essere vellutato, pulito e opaco, non lucido; il tuorlo privo di macchie; l'albume limpido, gelatinoso e privo di corpi estranei.

 

È sempre bene rompere le uova in una ciotola a parte e verificare il contenuto prima di utilizzarle.

 

Qualche volta si può trovare all'interno dell'uovo una piccola macchia scura: si dice allora che sono "gallate", ovvero fecondate. Questo non cambia il sapore dell'uovo, che rimane comunque perfettamente commestibile.

 

La dieta dell’uovo sodo è fondamentalmente una variante della dieta Atkins , dove il focus è sul limitare l'assunzione di carboidrati.

 

Leggi anche: Le uova fanno male?

 

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Sara (venerdì, 12 settembre 2014 21:50)

    Funziona?

  • #2

    monhud (domenica, 17 maggio 2015 10:22)

    effettivamente e' l' unica dieta con cui perdo peso.

  • #3

    Naty (mercoledì, 06 gennaio 2016 02:00)

    Ciao. Ho iniziato dieta delle uova perché peso 77 kg e non mi posso più vedere. C'è qualcuno chi vuole cominciare insieme a me?

  • #4

    admin (mercoledì, 06 gennaio 2016 20:17)

    @Naty: se vuoi dimagrire con una dieta sana ed equilibrata ti consiglio la dieta mediterranea dimagrante, presente nel nostro sito, ciao.

  • #5

    J & B (domenica, 20 marzo 2016 07:58)

    L'alimentazione deve essere varia , ma questa FAVOLA della dieta mediterranea , è ora di finirsela di spacciarla come la migliore . La gente è sedentaria , e tutti propongono una dieta ricca di carboidrati ? Ma x fare cosa ? Quella era l'alimentazione adatta ai contadini degli anni 50 che zappavano , aravano , raccoglievano tutto il giorno nei campi A MANO , altro che trattori ! Inutile poi sperare di cambiare le cose senza affiancare lo sport .