Combinazioni alimentari corrette

Tabella combinazioni alimentari corrette
clicca per ingrandire

Le combinazioni alimentari.

Cibi proteici con cibi amidacei.        

Cibi proteici con cibi proteici diversi cibi.                

Zucchero e frutta con cibi amidacei e proteici.

Bevande e cibi acidi con cibi proteici.

Bevande e cibi acidi con cibi amidacei.

Grassi con cibi proteici. 


Regole sulla compatibilità dei cibi e sulle combinazioni alimentari.

 

Spesso, quello di cui non si è tenuto conto è proprio l'insieme delle regole sulla compatibilità dei cibi e sulle combinazioni alimentari, regole che nascono dalla fisiologia della digestione.

 

Gli alimenti diventano meno digeribili e di più difficile assimilazione se sono mal combinati. Di fronte a disturbi dell'apparato gastroenterico quali gonfiori addominali, digestioni lunghe e difficili, stitichezza e bruciori di stomaco si crede spesso che sia sufficiente diminuire il consumo della carne, sostituire i cereali integrali a quelli raffinati e il miele allo zucchero, non consumare cibi in scatola.

 

Non tutti gli alimenti sono digeriti negli stessi tempi e con le stesse modalità, perché nel processo digestivo sono coinvolti molti enzimi diversi, ognuno dei quali capace di agire su un particolare legame chimico (per esempio le amilasi agiscono sugli amidi, le proteasi sulle proteine, le lipasi sulle catene dei grassi); inoltre, alcuni enzimi sono attivi in ambiente acido, altri solo in ambiente alcalino.

 

Perciò è evidente che, mettendo insieme cibi poco compatibili, si mette a rischio la digestione o degli uni o degli altri, se non di tutti.

 

Cibi proteici con cibi amidacei

Le proteine necessitano di un ambiente acido, perciò nel digerirle lo stomaco produrrà più acido cloridrico.

 

I carboidrati hanno invece una predigestione in bocca e richiedono nello stomaco un ambiente alcalino; se nello stomaco si crea l'ambiente acido necessario per iniziare la digestione delle proteine, si blocca quella dei carboidrati, che rimangono in attesa di passare nell'intestino tenue dove i succhi pancreatici faranno loro trovare un adatto ambiente alcalino.

 

In pratica questo vuol dire che, per esempio, la pasta con il ragù, un piatto tanto gustoso quanto classico in Italia, allunga notevolmente il processo digestivo e può procurare gonfiori addominali e fermentazione.

 

Cibi proteici con cibi proteici diversi.

È frequente che in uno stesso pasto siano presenti due o più cibi proteici di diversa origine: può trattarsi del pezzo di formaggio a fine pasto dopo aver mangiato la carne o il pesce, oppure di piatti elaborati come il polpettone.

 

Il problema della compresenza di diversi cibi proteici nello stesso pasto consiste nel fatto che il nostro stomaco produce succhi gastrici in tempi diversi e con composizioni diverse a seconda del tipo di proteina da digerire.

 

Una combinazione alimentare particolarmente nociva è quella della carne con il latte.

Infatti il latte a contatto con l'acidità dello stomaco coagula, racchiudendo all'interno del coagulo frammenti di carne che, così protetti, non entrano in contatto con il succo gastrico e non vengono digeriti, passando inalterati nel tratto intestinale.

 

Bevande e cibi acidi con cibi amidacei.

Gli amidi, che cominciano e essere digeriti nell'ambiente alcalino dell'interno della bocca, non subiscono alcuna digestione se accompagnati da una bevanda acida che acidifica questo ambiente. Limone, aceto, frutta acida come ananas, ciliegie, fragole, succhi di frutta andrebbero assunti lontano dai carboidrati.

 

Bevande e cibi acidi con cibi proteici.

I cibi proteici sono digeriti in un ambiente acido, si potrebbe perciò pensare che non siano disturbati dall'acidità delle bevande.

 

In realtà le cose non stanno così: la secrezione di acido cloridrico dello stomaco è regolata da un meccanismo tale per cui se l'ambiente dello stomaco è già acido l'acido cloridrico non viene secreto, ma è solo l'acido cloridrico, e non qualsiasi acido, che attiva l'enzima (la pepsina) deputato alla digestione delle proteine, ed è per questo che in presenza di altri acidi le proteine non possono essere digerite.

 

Zucchero e frutta con cibi amidacei e proteici.

Gli alimenti dolci come lo zucchero e il miele hanno un'azione inibitrice sulla secrezione gastrica e sulla mobilità dello stomaco, rendendo difficoltosa la digestione degli altri alimenti.

 

La frutta ha bisogno un accenno a parte: la sua composizione a base di zuccheri semplici fa sì che non sia necessario nessun intervento digestivo dalla bocca sino all'intestino tenue, dove vengono direttamente assorbiti. 

 

Se la frutta è mangiata da sola i tempi digestivi sono brevissimi, se invece è assunta dopo altri cibi, deve aspettare che tutti gli altri alimenti vengano digeriti prima di essere assorbita dall'intestino tenue; il risultato è che staziona per lungo tempo nello stomaco creando fermentazione e coinvolgendo nella fermentazione anche il resto del cibo.

 

Grassi con cibi proteici.

Mangiare carne, pesce o uova con burro o panna rallenta molto la digestione, in quanto le sostanze grasse inibiscono la secrezione acida dello stomaco e ne rallentano la motilità. Lo stesso avviene con l'olio, ma in misura minore.

Le combinazioni alimentari più salutari non sono certo meno gustose

Sponsorizzato

Considerando le regole sulle giuste combinazioni alimentari, ci possiamo rendere conto di quanto sia alterata la nostra digestione quando ci si alza da tavola dopo aver consumato quello che molti considerano un pasto normale e ragionevole: primo piatto di pasta, carne con contorno, frutta, e magari un pò di formaggio e un dolcino per accontentare il palato.

 

Le combinazioni alimentari più salutari non sono certo meno gustose, è solo questione di abitudine. L'abbinamento per esempio di cereali e legumi, che si trova nella giustamente famosa pasta e fagioli e in altri piatti non meno ricchi di storia come i veneti "risi e bisi" (riso e piselli), è un ottimo abbinamento; così sono ottimi gli accostamenti di pesce, carne e uova con verdure di tutti i generi.

 

La frutta, invece che a fine pasto, sarebbe meglio consumarla lontano dai pasti.

Una volta che si seguono queste regole di corretta alimentazione per una buona digestione, ci si possono permettere, per esempio in un giorno di festa, quelle eccezioni che un organismo sano e ben funzionante è perfettamente in grado di sopportare senza danno.

 

Sponsorizzato


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    loredana (lunedì, 15 giugno 2015 14:21)

    purtroppo invece ci sono studi che sconsigliano anche l'abbinamento di cereali e legumi proprio perche necessitano di diversi enzimi per essere digeriti e producono acidità!!