Acerola: proprietà e benefici

Il contenuto di vitamina C dell’acerola supera di 28 volte quello del limone, è ricca anche di minerali, ed è un potente immunostimolante. L’acerola serve a potenziare il sistema immunitario, per affrontare il cambio di stagione senza rischiare influenze e raffreddori.


Proprietà e benefici dell'acerola
Acerola

L’acerola è un grosso arbusto non più alto di 2 metri. Cresce nella maggior parte delle zone tropicali, ma si sviluppa più rapidamente nei terreni sabbioso-argillosi ricchi di humus.

 

Dopo il terzo anno produce frutti simili alle ciliegie, di color rosso-cremisi, dai quali si ricava un succo che per successiva concentratone viene trasformato in estratto concentrato ad altissimo contenuto di complesso vitaminico C.

 

L'acerola è considerata infatti la fonte naturale più ricca di vitamina C: 5 grammi del suo frutto ne contengono ben 116 mg (28 parti di più rispetto al limone).

 

Ma non è tutto: apporta anche carotene, tiamina, riboflavina, niacina, proteine e sali minerali, dal marcato effetto rinforzante. Vediamo i benefici dell'acerola.

I benefici dell’acerola

Sponsorizzato

Pelle, intestino e bronchi in perfetto equilibrio con l’acerola.

L'importanza della vitamina C, di cui l'acerola è ricchissima, è stata evidenziata da numerosi studi in tutti questi anni, ma la sua biochimica è stata approfondita solo di recente.

 

Infatti si è visto che oltre a possedere una forte azione antiossidante e antiradicali liberi, interviene in numerose e complesse operazioni del nostro metabolismo.

 

Per questa sua dotazione di acido ascorbico, l'acerola gioca un ruolo fondamentale nella sintesi degli ormoni steroidei (con effetto tonico e stimolante), stimola la produzione di acido folico da parte della flora batterica (molto importante in gravidanza) e previene la formazione di nitrosammine, sostanze cancerogene a livello intestinale.

 

L’acerola migliora anche l'elasticità della pelle stimolando la sintesi di collagene con un effetto rigenerante sui tessuti. Ma una delle sue azioni più importanti è diretta al sistema immunitario: la vitamina C aumenta l'attività fagocitaria dei leucociti e favorisce la proliferazione linfocitaria, rinforzando le naturali difese dell'organismo.

 

Per questo, dunque, l'estratto di acerola è un valido rimedio per prevenire e contrastare il raffreddore, l'influenza, i problemi polmonari, la bronchite, la sinusite e tutte le problematiche a carico dell'apparato respiratorio.

 

L'acerola è indispensabile ai fumatori, per ridurre i danni ossidativi delle sigarette, sì dimostra un utile sostegno anche nelle infezioni virali, nelle epatiti virali e nella varicella.

Come assumere l’acerola e le alleanze vincenti

Sponsorizzato

Con rosa canina previene, con propoli cura.

L'acerola si acquista in compresse o capsule da assumere una o due volte al dì per un'azione preventiva. Ma in caso di un episodio infettivo in corso questa posologia può essere tranquillamente aumentata per una migliore efficacia.

 

Se il mal di gola ha già colpito, in erboristeria puoi trovare l'acerola già associata alla propoli, in comodi opercoli. La dose è di un opercolo, tre volte al giorno.

 

Per una prevenzione ancora più decisa, è possibile associare l'acerola alla rosa canina: anch'essa ricca di vitamina C, è facilmente reperibile sotto forma di Macerato Glicerico (MG I DH) e si assume nella dose di 40 gocce, 3 volte al dì.

 

Se vogliamo agire però in funzione curativa, risulta ottimo l'abbinamento di acerola con l'estratto di propoli in tintura madre. La dose è di 20-30 gocce tre volte al giorno.

 

Vaccini naturali, il rinforzo "sottile".

Il sistema immunitario è tessuto "liquido", impalpabile e sottile, che risponde bene a ciò è sottile come lui. Se desideriamo un'azione prolungata, i prodotti naturali come l'acerola sono la scelta giusta.

 

Con la loro azione invisibile ma concreta, possono rimetterlo a punto per affrontare il cambio di stagione primi freddi.

 


Scrivi commento

Commenti: 0