3 posizioni yoga per ricaricarsi di energia

Lo yoga ci viene in aiuto quando abbiamo le pile scariche. Ecco qualche semplice esercizio per ritrovare le forze.  Ansia, stress, mal di testa e disturbi del sonno, secondo la medicina ayurvedica, sono sintomo di uno squilibrio energetico.

 

Nella tradizione indiana il suono rappresenta la vibrazione primordiale. Mettere una musica durante gli esercizi yoga aiuta a concentrarsi e a ricaricarsi di energia.  


Le 3 posizioni yoga: come eseguirle.

Posizione n° 1. L'Albero (Vriksha asana).
Foto di www.passioneyoga.it

Posizione n° 1. L'Albero (Vriksha asana).

È una posizione che riequilibra il sistema nervoso centrale, contrasta la depressione, rafforza il legame tra corpo e mente e stimola la concentrazione e la forza di volontà. Riconnette i centri energetici del corpo con l'energia del Ciclo e della Terra.

 

Come si esegue. Fissare lo sguardo su un punto davanti a se e spostare lentamente il peso del corpo sulla gamba sinistra.

 

Quando il peso sarà stabile, sollevare la gamba destra e appoggiare il piede all'altezza del ginocchio all'interno della gamba sinistra.

 

Se si posseggono buone doti di equilibrio, si può portare il piede all'interno della coscia con il tallone vicino all'inguine.

 

Sollevare le braccia verso l'alto e unire i palmi sopra la testa, mantenendo le dita in contatto tra loro.

 

Restare in posizione per qualche minuto contando i respiri, poi ripeterla per l'altro lato del corpo.

È importante mantenerla per lo stesso tempo per entrambi i lati contando lo stesso numero di respiri.

Posizione n° 2. La montagna  (Tada asana).
Foto di www.passioneyoga.it

Posizione n° 2. La montagna  (Tada asana).

Consente di trarre energia dalla Terra e ritrovare la stabilità di corpo e mente. Aiuta a ritrovare la concentrazione e rafforza la muscolatura della parte inferiore del corpo. Dona stabilità emotiva e una sensazione generale di fermezza, solidità e fiducia in se stessi.

 

Come si esegue. In piedi, divaricare le gambe a misura delle spalle. I piedi sono paralleli e ben appoggiati a terra.

 

Le braccia sono distesi ai lati del corpo e gli occhi chiusi.

 

Contrarre i glutei e ritrarre l'ombelico contraendo gli addominali e spostando leggermente il bacino all'indietro.

 

La parte inferiore del corpo sarà a stretto contatto con la terra, mentre la parte superiore si allungherà spontaneamente verso l'alto.

 

Mantenere la posizione respirando profondamente.

 

Ascoltare il ritmo del proprio respiro, inspirare ed espirare in maniera sempre più lenta e profonda.

Si sentirà l'energia fluire lentamente nel corpo.

Posizione n° 3. Il Re degli orsi che abbraccia un albero (Jambavat asana).
Foto di www.passioneyoga.it

Posizione n° 3. Il Re degli orsi che abbraccia un albero.

(Jambavat asana).

Questa posizione permette di radunare e concentrare le energie disperse, riequilibra e rilassa il chakra del cuore. Dona stabilità emotiva.

 

Come si esegue. In piedi, divaricare le gambe con i piedi paralleli tra loro e con una misura poco superiore a quella delle spalle.

 

Inspirare profondamente, poi espirare e, contemporaneamente, piegare un po' le ginocchia.

 

Ruotare appena il bacino in avanti in modo che le ossa del pube salgano leggermente in alto e l'osso sacro tenda invece ad allungarsi verso terra.

 

Inspirare e sollevare le braccia, poi espirare e portare i palmi delle mani in avanti, ali altezza del cuore.

 

I gomiti sono sollevati, le spalle rilassate, le dita si sfiorano.

 

Mantenere la posizione, continuare a respirare e rendere gradualmente il respiro più lento e profondo.

 

Attraverso lo yoga si possono riportare in equilibrio i chakra, i centri energetici del corpo, e ristabilire il flusso dalla radice alla sommità del capo. Questi 3 esercizi possono aiutare a fare il pieno di energia.

Yoga: a ciascuno il suo genere.

Sponsorizzato

Hatha yoga.

Si lavora gradualmente sulle posizioni, sulla respirazione, sullo stretching. A livello mentale favorisce la concentrazione e il rilassamento. È adatto a tutti.

 

Lyengar yoga.

Si avvale dell'ausilio di attrezzi come step, elastici, cuscini, corde, sedie. È indicato per chi vuole migliorare la postura, per chi è stressato e per chi soffre di ipertensione. Allevia i dolori e migliora la circolazione.

 

Kundalini yoga.

Comprende posizioni statiche, sequenze di movimenti, tecniche di respirazione dinamica, canto e meditazione. Armonizza corpo e mente, riduce lo stress, rilassa e fortifica il sistema nervoso. Per chi ha già esperienza di yoga.

 

Ashtanga yoga.

Si basa sul legame tra respirazione e posizioni del corpo. Favorisce l'elasticità e il rafforzamento muscolare. Per chi vuole scaricare lo stress e bruciare calorie.

 

Bikram yoga.

Consiste nella ripetizione di 26 posizioni per riscaldare e allungare i muscoli. Le lezioni si tengono in una sala con una temperatura di 37° che potenzia i benefici, aiuta a espellere le tossine e rilassare corpo e mente. È per tutti, eccetto per chi soffre di pressione bassa, di problemi cardiovascolari e in gravidanza.

 

Leggi anche:

 

Dieta yoga

 

7 regole per praticare Yoga

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 0