Astragalo: proprietà curative

L'astragalo è una pianta erbacea perenne originaria della Cina, in particolare di alcune zone come Sichuan, Tibet e Mongolia. Ne esistono varie specie, quelle impiegate in commercio sono del genere Membrana-ceus e mongholicus. L'astragalo è impiegato dalla Medicina Tradizionale Cinese come tonico e rafforzante dell'energia vitale. Troviamo notizie di questa pianta già nel 120 a.C.


Astragalo: proprietà curative e benefici
Astragalo pianta

Principi attivi dell’astragalo.

L'astragalo contiene: glicosidi triterpenici; saponine (come astragolosidi, acetilastragaloside, isoastragalosidi, straesieversianine, soiasaponina, soiasapogenolo, aglicone della soiasaponina, cicloastragenolo); polisaccaridi (astragalano, astraglucani, astraeterosaccaridi, amine biogene, betaina, colina, acido-y-amino-butirrico, GABA); flavonoidi (canferolo, quercetina, isoramnetina, calìcosina, formononetina, ramnocitrina, cumatachenina, isoflavoni, formononetina, isoflavani, isomucronulatol, pterocarpani); aminoacidi (venti, tra cui asparagina acido glutammico, canavanina, prolina, arginino, acido B-aminobutirrico, acido aspartico, alanina); minerali in tracce (tra cui magnesio, ferro, manganese, zinco, rame, cromo); acidi fenolici, ferulico, isoferulico, caffeico, clorogenico, nicotinico, linolenico e linoleico; amine piogene (betaina, colina, acodo-gamma-amino-butirrico GABA); cumarina, colina, betaina, steroli.

 

Proprietà e benefici dell’astragalo.

L'astragalo è una pianta adattogena (incrementa la resistenza dell'organismo allo stress psicofi­sico, favorendo l'adattamento alle variazioni esterne e interne che lo sollecitano).

 

È immunostimolante, antibatterico, antivirale, antinfiammatorio, cardiotonico, ipotensivo, vasodilatatore, abbassa la glicemia, ha un'attività antiossidante, stimola la memoria e la produzione di cartilagine.

 

È una pianta epatoprotettiva (vale a dire che protegge il fegato) e con azione diuretica e protettiva dei reni (i polisaccaridi e le saponine svolgono un ruolo primario nella disintossicazione dell'organismo).

 

Indicazioni:

È indicato nella cura e prevenzione delle malattie infettive, soprattutto virali, raffreddore e sindromi influenzali, oltre che come terapia complementare nelle malattie neoplastiche.

 

È utile in caso di stress, affaticamento, diabete mellito, ipertensione, ritenzione idrica, infertilità, diminuzione della memoria.

Le proprietà curative dell'astragalo

Sponsorizzato

I preparati di astragalo vengono utilizzati nel trattamento delle epatiti croniche: infatti le saponine in essi contenute promuovono la sintesi del DNA nelle cellule epatiche in rigenerazione, stimolando inoltre la riproduzione degli epatociti.

 

Gli studi eseguiti sia in vitro che in vivo hanno confermato l'efficacia dell'astragalo nella stimolazione del sistema immunitario. Dai dati ottenuti è stato possibile evidenziare che i polisaccaridi isolati dalla pianta, alla concentrazione di 10 mg/ml, sono in grado di aumentare l'attività dei macrofagi.

 

Interazioni.

Aumenta l'effetto di formaci ipotensivi e ipoglicemizzanti. Chi li assume deve pertanto fare uso di estratti di astragalo solo sotto il diretto controllo del proprio medico di fiducia.

 

Quando e come utilizzare l’astragalo.

In tutti i casi elencati: 100 mg di estratto secco due volte al giorno, oppure assumere l'astragalo come TM, 30 gocce due volte al dì. In commercio si trovano creme all'astragalo utili come vasodilatatrici.

Curiosità

Sponsorizzato

Già nella più antica fonte di fitoterapia cinese, la Farmacopea del Coltivatore Celeste (II secolo a.C.), Huang Qi, vale a dire l'astragalo, è annoverato tra le droghe "superiori", vale a dire quelle meno tossiche, che possono essere assunte abbastanza regolarmente per tonificare l'energia vitale.

 

Questo tipo di tonificazione è una delle pratiche più ricorrenti e antiche della Medicina Tradizionale Cinese, connessa con l'aspirazione all'immortalità tipica dell'antica Cina.

 



Scrivi commento

Commenti: 0