Dieta mima-digiuno del dottor Valter Longo

Centenari si diventa a tavola. E con la dieta mima-digiuno c'è chi scommette su dieci anni in più di bella vita. Il dottor Valter Longo, alla University of Southern of California, oltre a insegnare biogerontologia, dirige l'Istituto della longevità e da più di vent'anni indaga nei segreti della cellula e degli organismi per scoprire come rallentare l'invecchiamento e vivere più sani. Ora conduce le sue ricerche tra Los Angeles e l'Istituto di oncologia molecolare di Milano (Ifom) dove dirige un gruppo specializzato su longevità e cancro.


DMD Dieta Mima Digiuno del dottor Valter Longo
Dieta Mima Digiuno

Il gruppo diretto dal dottor Valter Longo ha pubblicato rivista Cell Metabolism i risultati di una ricerca pilota sull'uomo adottando la dieta mima-digiuno sperimentata prima sui lieviti in provetta e poi sui topi.

 

E in tutti e tre i casi ha dimostri la sua efficacia nel contrastare l'invecchiamento, rafforzare i vari sistemi tra cui quello immunitario e nervoso riducendo i rischi di varie malattie: cardiovascolari, diabete, obesità e cancro.

 

La dieta a basso contenuto di proteine si protrae per cinque giorni e deve essere condotta sotto il controllo del medico che la deve adattare alle condizioni fisiche. Per la maggior parte delle persone è sufficiente praticarla ogni tre o sei mesi a seconda della circonferenza addominale e dello stato di salute.

 

Per i soggetti a rischio elevato si arriva anche ad una volta ogni due settimane. Poi il paziente può tornare alla sua alimentazione abituale, precisa Longo. La ricerca ha dimostrato che in generale cinque giorni al mese di questo regime alimentare ha effetti rigenerativi e protettivi su tutto l'organismo che durano a lungo.

 

Si tratta, infatti, di riprogrammare il corpo in modo tale da farlo entrare in una modalità di invecchiamento più lento, ma anche di ringiovanirlo attraverso una rigenerazione che si basa sulle cellule staminali».

 

Il metodo già anni fa aveva dimostrato efficacia pure in funzione anticancerogena, affamando le cellule tumorali, proteggendo il sistema immunitario e le cellule sane dagli effetti tossici della chemioterapia.

 

La dieta di lunga vita.

La prima serve a irrobustire il sistema immunitario. Da seguire per cinque giorni ogni 3/6 mesi sotto controllo medico. L'altra è consigliata come normale regime alimentare da mantenere ogni giorno per tenersi in forma.

 

DMD DIETA MIMA-DIGIUNO.

Cosa mangiare: zuppe, verdure, noci, tè, barrette al cioccolato, minerali e vitamine di origine vegetale. Non vengono precisate le quantità perché questa dieta deve essere calibrata dal medico in base alle condizioni fisiche del paziente.

 

DIETA QUOTIDIANA.

Pochissimi cibi animali oltre al pesce, stando attenti a quelli come pesce spada e tonno con tanto mercurio.

 

0.8 grammi di proteine al giorno per Kg di peso corporeo e quindi 40 grammi di proteine per una

persona di 50 chili e 70-80 grammi di proteine per una di 100 chili con la maggior parte delle proteine che vengono da legumi.

 

Almeno una volta a settimana pesce che contiene omega 3 (ad esempio salmone).

 

Piatti da consumare frequentemente sono un po' di pasta (40 grammi), con 350 grammi di ceci, o fagioli o piselli, mescolati con verdure tipo broccoli, carote, spinaci, ecc. con tanto olio di oliva.

Un po' di noci, mandorle, nocciole ecc. ogni giorno abbinati a un po' di frutta secca (uvetta, mirtilli rossi ecc).

 

Attenti alle carenze di proteine, omega 3, vitamina B 12, zinco, calcio ecc. e quindi nel dubbio prendere un multivitaminico due volte a settimana.

 

L’opinione del Prof. Giorgio Calabrese sulla dieta mima-digiuno

Sponsorizzato

Piccolo digiuno preventivato e non improvvisato. Eliminare per 2-3 giorni il cibo ogni 2-3 mesi per poter vivere più a lungo e anche dimagrire.

 

Il Prof. Giorgio Calabrese è sempre contro il digiuno totale, specie se protratto nel tempo, perché causa acetonemia.

 

È giusto tuttavia riflettere sulla metodica e tempistica che un collega scienziato Valter Longo della University of Southern California (Use) e dell'Istituto Firc di Oncologia Molecolare (Ifom) di Milano ha ideato per allungare la vita.

 

Secondo Longo questa dieta, se seguita in modo meticoloso, è in grado di regalare 10 anni in più di vita. Il suo nome è Dmd acronimo di dieta mima-digiuno, si avvicina al digiuno senza esserlo.

 

Tutto ciò lo si otterrebbe grazie ad un ridotto contenuto proteico e a un mix speciale di grassi, carboidrati e micronutrienti, che abbatte l'apporto calorico giornaliero fino a dimezzarlo.

 

Se sotto controllo medico può durare 5 giorni ogni 3-6 mesi e mentre fa dimagrire aiuta a prevenire malattie cardiovascolari, diabete, obesità e tumori, riuscendo così a rallentare i processi di invecchiamento che accorciano la vita.

 

Egli ha dimostrato che la privazione strategica di alcuni nutrienti svolge una funzione anti-cancerogena, proteggendo le cellule sane dalla malattia e nel contempo aumentando la morte delle cellule tumorali, stimolando la rigenerazione e il conseguente ringiovanimento di vari sistemi incluso quello immunitario.

 

Ciò conferma quanto ribadiamo da sem­pre: è l'eccesso dei singoli nutrienti in special modo i grassi, che causa insorgenza di malattie metaboliche, tumori e conseguente accor­ciamento della vita.

 

La dieta mima digiuno Dmd ha ridotto l'apporto calorico del 34-54% e il regime ha prodotto un calo dell'ormone Igf-1, necessario per la crescita durante lo sviluppo, ma promotore dell'invec­chiamento e collegato alla predisposizione al cancro.

 

La Dieta mima digiuno ha inoltre aumentato l'ormone lgfbp-1 e ridotto biomarcatori e fattori di rischio legati a diabete e malattie cardiovascolari (glucosio, grasso del tronco e proteina C-reattiva), senza influire negativamente sulla massa muscolare e ossea.

 

Il dottor Valter Longo mette rigorosamente in guardia rispetto all'adozione di forme radicali di dieta, come il digiuno con sola acqua e dell'affrontare la Dieta mima digiuno senza consultare un medico, quindi è necessario farsi seguire perché non tutti sono in condizioni di salute ottimali per digiunare 5 giorni o eseguire in modo errato e senza i giusti presupposti ci si esporrebbe a rischi sulla salute.

 

Quest'ultimo concetto non fa altro che avvalorare il principio che alterare il metabolismo è sempre un atto medico, che non si può cominciare senza le dovute precauzioni.

 

Longo infatti consiglia estrema prudenza per i pazienti diabetici, che non dovrebbero effettuare restrizioni caloriche durante l'assunzione di insulina, metformina o farmaci simili.

 

Per chi volesse allungare la propria vita e allontanare le malattie vale sempre il buon vecchio principio di evitare gli eccessi.

Controindicazioni della dieta mima-digiuno.

Non possono farla persone anoressiche e persone diabetiche se prendono insulina, metformina e simili.

La dieta è in corso di approvazione dalla Food and Drug Administration americana.

 

Infine, alle persone con indice di massa corporea inferiore a 18 (cioè troppo magre) la Dieta mima digiuno del dottor Valter Longo è sconsigliata del tutto, se non alquanto distanziata.

 

Articoli correlati

 

Digiuno terapeutico

 

Come fare il digiuno

Sponsorizzato

Il libro del dott. Valter Longo

IL LIBRO. La dieta della longevità. Dallo scienziato che ha rivoluzionato la ricerca su staminali e invecchiamento, la dieta mima-digiuno per vivere sani fino a 110 anni Copertina rigida

Ce lo svela in questo libro Valter Longo, lo scienziato i cui studi rivoluzionari su genetica, alimentazione, staminali e longevità sono diventati il punto di riferimento imprescindibile per qualunque dieta smart. Rivoluzionari non solo perché dimostrano che è insita in noi, nel nostro corpo, la capacità di mantenerci giovani e, all'occorrenza, rigenerarci, ma anche perché aprono una strada che va oltre la prevenzione per farsi vero e proprio strumento di cura. Basandosi su una strategia a cinque pilastri, Valter Longo ha dimostrato che curarsi con il cibo è possibile, anzi, è la strada giusta per ridurre il grasso addominale, rigenerare e ringiovanire nostro corpo abbattendo in modo significativo il rischio di cancro, patologie cardiovascolari e autoimmuni, diabete e malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. La Dieta della Longevità, semplice da adottare ogni giorno per chi già apprezza la tradizione mediterranea, va ad affiancarsi nel regime di Longo agli effetti straordinari della Dieta Mima-Digiuno messa a punto nel suo laboratorio. Ispirata a una pratica antica e comune in tutte le culture, ma dimenticata dalla nostra società dell'abbondanza, la Dieta Mima-Digiuno permette di evitare i rischi e le difficoltà di un digiuno vero e proprio, rendendolo compatibile con le esigenze di una vita attiva.


Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    maura (lunedì, 28 marzo 2016 20:48)

    Sono diabetica peso 60 chili prendo metformina mangio 50 grammi di pasta pochi grammi di carne massimo 100 a volte .due uova a a settimana 70 grammi di legumi a volte meno .a volte noci ma Nn sempre cambio sempre. Mai la stessa cosa .un cucchiaio di olio .poco formaggio un cucchiaino.ricotta 100 grammi .70 di prosciutto a volte 70 di mortadella a volte.mi è venuto il dubbio di mangiare male.posso avere ragguagli.?

  • #2

    admin (martedì, 29 marzo 2016 10:08)

    @maura. Ogni notizia o consiglio su diete o regimi alimentari contenuti nel sito www.dietadimagranteveloce.it devono intendersi al solo scopo informativo.
    Tali informazioni non devono mai sostituire la consulenza personalizzata di un medico dietologo o nutrizionista.

  • #3

    Vincente (martedì, 05 aprile 2016 15:05)

    Vorrei cominciare la Dmd,ma non capisco le zuppe sono di legumi ? Sono sana non ho nessuna patologia,solo un po' di ansia.posso farla?