Dieta senza lattosio

Seguendo questa dieta senza lattosio è possibile ridurre i sintomi dell'infiammazione dovuta alle reazioni di ipersensibilità: gonfiori, problemi intestinali e sovrappeso. In questo modo, oltre a migliorare le condizioni generali di salute dell'organismo, si potrà ottenere un dimagrimento effettivo e duraturo, senza particolari sacrifici alimentari, ottenuto grazie al fatto di aver "spento" all'origine le cause dell'infiammazione ingrassante.


Dieta senza lattosio: menù completo
Intolleranza al latte vaccino

Se è il latte a far gonfiare la pancia. 

 

In caso di intolleranza al latte vaccino, potrai sostituire questo alimento e i suoi derivati con i latti vegetali come quello di soia, di riso o di mandorle.

 

Per quanto riguarda i formaggi, è possibile usare come alternativa il tofu (formaggio di soia), da arricchire con battuti d'erbe, sesamo e peperoncino.

 

In commercio si trovano anche yogurt, salse e budini a base di soia, buoni e nutrienti.

 

Spesso, poi, l'organismo tollera bene il latte e i formaggi di capra.

 

Inoltre, per ridurre l'apporto di latte, bisogna imparare a leggere bene tutte le etichette. Il latte, infatti, è pressoché ovunque negli alimenti che compriamo al supermercato: si può trovare nel pane, nei salumi, nelle minestre precotte, nei condimenti, nelle caramelle, nelle salse, nella maionese, negli integratori ecc.

 

Anche questi alimenti andrebbero dunque evitati in caso di intolleranza al lattosio.

 

Ovviamente, rinunciare al latte vuole anche dire rinunciare a una buona fonte di calcio (un minerale prezioso per le ossa ma anche utile per tenere a base il senso di fame). Come fare?

 

Per coprire il fabbisogno giornaliero di calcio si può ricorrere a latti vegetali sostitutivi, ormai sempre più spesso addizionati con calcio, come quelli di soia, riso e mandorle.

 

Un'altra ottima fonte di calcio sono i semi di sesamo, da usare per il condimento di zuppe, paste e insalate.

Dieta per intolleranza al lattosio menù 5 giorni

Sponsorizzato

Ora vediamo un esempio di dieta a rotazione per l'intolleranza al lattosio, dove, seguendo le regole generali che ti abbiamo suggerito prima, avrai 5 giorni alla settimana di eliminazione totale di latte e formaggi, e il mercoledì e la domenica, invece, con un menu libero.


Puoi seguirla per tutto il tempo che vuoi.


Da ricordare:

come spuntino e a merenda, scegli macedonie di frutta mista e spremute;

per condire, usa olio extravergine d'oliva a crudo e per dolcificare privilegia miele e stevia;

sostituisci il sale con alghe o gomasio (il condimento a base di semi di sesamo tostati);

come bevande, acqua minerale al magnesio (drena l'intestino) e un calice di vino a pasto;

per accompagnare pranzo e cena, 50 g di pane fresco integrale senza latte;

a colazione consuma caffè d'orzo o té con un cucchiaino di miele, 3 fette biscottate integrali con 30 g di confettura a tua scelta, uno yogurt di soia e un frutto fresco.


Menù di 5 giorni senza lattosio.


Lunedì.

Pranzo: 100 g di gnocchi di patate o zucca al pomodoro e basilico, 100 g di bresaola con un'abbondante insalata di pomodori e rucola.

Cena: 100 g di filetto ai ferri al pepe verde, 100 g di verdure alla griglia e una mela cotta al forno con cannella.


Martedì.

Pranzo: 100 g di carpaccio di pesce spada e 100 g di insalata mista, una pera e 2 prugne cotte.

Cena: 50 g di penne integrali con sugo di pomodoro e zucchine, 200 g di tacchino ai ferri e 200 g di insalata di lattuga e carote a julienne, uno yogurt di soia.


Mercoledì (giornata libera).

Puoi mangiare in libertà ciò che desideri (anche il latte vaccino magro a colazione). Se vuoi, ecco il menu che ti consigliamo noi.


Pranzo: 100 g di insalata di riso con una mozzarella, una pera cotta nel vino rosso.


Cena: 200 g di minestrone di verdura, 150 g di nasello al vapore e 200 g di insalata verde mista, uno yogurt di soia.


Giovedì.

Pranzo: un passato di verdure miste, 100 g di prosciutto crudo sgrassato con zucchine prezzemolate, una banana in macedonia con succo di limone.


Cena: 80 g di fusilli integrali con piselli e panna di soia, 200 g di insalata di cicoria, finocchi, carote e ravanelli con un uovo sodo, una mela cotta con cannella.


Venerdì.

Pranzo: 130 g di petto di pollo ai ferri con finocchi lessa­ti e gratinati al forno con semi di sesamo e tofu a tocchetti, 2 kiwi.


Cena: 50 g di spaghetti di farro con 40 g di salmone, 100 g di tonno ai ferri e un'insalata verde mista, un budino di riso (senza latte).


Sabato.

Pranzo: una frittata con le erbette con un'abbondante insalata mista, 150 g di frutti di bosco.


Cena: 150 g di costoletta di maiale ai ferri e 120 g di patate cotte al forno con un battuto d'erbe, una pera cotta.


Domenica (secondo giorno libero).

Oggi puoi mangiare in libertà ciò che vuoi (anche il latte vaccino magro a colazione) oppure puoi organizzarti così.


Pranzo: 100 g di pasta e lenticchie con 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, un carpaccio di rucola e bresaola, una macedonia di frutta fresca.


Cena: risotto allo zafferano, insalata di fiocchi di latte con verdurine croccanti (carote, zucchine, pisellini novelli, ravanelli, mais), 100 g di lamponi con succo di limone.

I benefici che puoi ottenere con la dieta senza lattosio

Sponsorizzato

Seguendo questa dieta senza lattosio, già dopo la prima settimana, potrai constatare una serie di benefici sulla salute e sul peso forma.

 

L'eliminazione graduale del latte disinfiamma il tratto digerente ed elimina i gonfiori addominali.

 

Riducendo latte e formaggi assumi anche meno grassi e aumenti, invece, la massa magra.

 

I tessuti riacquistano una maggiore elasticità, si riduce la cellulite.

 

Leggi anche:


Dieta a rotazione per intolleranze alimentari


Intolleranze alimentari


Burro senza lattosio

 

Sponsorizzato

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Fabianop (domenica, 21 agosto 2016 12:51)

    Latte carne del supermercato non ci piove!!! Fa malissimo ,ve lo dice un carnivoro convinto .Ho sperimentato su di me gli effetti della carne dei supermercati e migliori macellerie.. e' tutta stracolma di sostanze dannose al nostro organismo ,il problema non e' la carne che fa male ma sono gli allevamenti intensivi che ne sanno una piu' del diavolo per sfamare milioni di persone.