Usare il Ginseng come cosmetico

Il ginseng, è anche un rimedio prezioso per la pelle. Oltre a combatterne l'invecchiamento attraverso gli antiossidanti, aiuta anche a riparare le ferite e le lesioni cutanee, in particolare quelle provocate da bruciature. Questa proprietà è dovuta probabilmente alle saponine di cui è ricco il ginseng, cioè i ginsenosidi, che sono in grado di accelerare la guarigione delle ferite in quanto attivano la produzione di cellule dell'epidermide. 


Usare il Ginseng come cosmetico
Ginseng anti-age

Questo è stato dimostrato da ricerche di laboratorio, nelle quali l'utilizzo di ginsenosidi ha prodotto una più rapida riepitelizzazione. Inoltre alcune saponine del ginseng hanno anche la proprietà di aumentare la vascolarizzazione dei tessuti, agevolando così la riparazione della pelle lesionata.

 

Nutre a fondo i tessuti.

Data la capacità di proteggere e ricostruire la pelle, il ginseng ha attirato l'attenzione anche sulle sue proprietà come cosmetico, soprattutto a fini dermatologici. L'interesse è motivato dal fatto che nel ginseng sono contenuti vari principi attivi che possono curare e migliorare l'aspetto della pelle.

 

Oltre alle saponine "riparatrici", ricordiamo i fitoestrogeni, che possono provocare effetti simili agli ormoni e incrementare quindi il metabolismo dei tessuti. Inoltre contiene anche stimolanti che agiscono sui muscoli e sui nervi, tanto da mantenere tonico il tessuto sottocutaneo e quindi anche l'epidermide.

 

Infine il ginseng agisce anche sulla circolazione, favorendo la contrazione dei vasi e la formazione di nuovi capillari. Così i tessuti vengono vascolarizzati e nutriti meglio.

 

Queste proprietà spinsero alla realizzazione dei primi prodotti cosmetici a base di ginseng: creme, lozioni e schiume da bagno. In seguito si analizzarono più a fondo gli effetti del ginseng; si evidenziò che le saponine rinforzano la struttura del capello e aumentano notevolmente la sua resistenza alla rottura.

 

Si crearono così anche degli shampoo rinforzanti al ginseng. Con il passare degli anni è poi aumentato sempre più il ricorso al ginseng per la preparazione di prodotti cosmetici, sfruttando le proprietà di mantenere elastica la pelle, di assicurare una maggiore idratazione e di combattere le rughe. In questo senso svolgono un ruolo importante gli antiossidanti vegetali contenuti nella radice.

 

Aumenta il collagene dei tessuti.

Si è accertato che l'efficacia del ginseng è dovuta and fatto che stimola la sintesi del collagene, una teina che costituisce la struttura portante del tessuto cutaneo e che è indispensabile per dare tono alla pelle.

 

Alcuni specifici esperimenti hanno dimostrato che i preparati a base di ginseng stimolano la crescita di due tipi di collagene che servono a e battere l'invecchiamento precoce dell'epidermide e a mantenerla tonica ed elastica.

Infatti la quantità di collagene presente nel corpo diminuisce con il passare degli anni e la sua carenza è uno dei motivi che provocano la comparsa di rughe e l'inaridirsi della pelle negli anziani.

 

Questo consiglia ancora di più l'uso del ginseng nella terza età, perché stimola la generazione fibre all'interno dello strato profondo della pelle, il derma.

Infatti i preparati a base degli specifici ginsenosidi che possiedono queste proprietà riescono a ridurre le rughe della pelle.

 

Gli effetti sugli ormoni e sul sangue.

Il ginseng  inoltre lavora a livello neuroendocrino con una azione simile a quella degli ormoni, potenziandone le attività quando essi si riducono a causa dello stress, della stanchezza o dell'età, cioè le situazioni in cui la pelle invecchia e perde tono, i capelli cadono, la massa muscolare si riduce e inflaccidisce.

 

L'effetto della stimolazione ormonale è di dare impulso al metabolismo dei tessuti, di tonificare le masse muscolari e il tono della pelle. Un effetto che viene potenziato anche dalla capacità del ginseng di riattivare la circolazione sanguigna. I ginsenosidi presenti nei preparati cosmetici sono utili anche perché rinforzano i vasi sanguigni e mettono in circolo più rapidamente le altre sostanze utili all'epidermide, oltre a nutrire meglio i tessuti ossigenandoli.

Serve a idratare l'epidermide.

Le ricerche sulla possibilità di sfruttare a fondo gli effetti cosmetici del ginseng sono proseguite con intensità negli ultimi anni, anche verificando l'efficacia di abbinamenti con altre sostanze.

 

In particolare hanno ottenuto evidenti risultati tonificanti ed elasticizzanti alcuni composti formati dalle saponine del ginseng e da fosfolipidi sintetici.

In questi preparati, le saponine del ginseng sembrano svolgere in particolare il compito di garantire l'idratazione della pelle, trattenendo l'acqua negli strati profondi e rallentando l'evaporazione che avviene attraverso i pori.

 

Sono stati effettuati degli esperimenti per misurare i risultati dell'applicazione sulla pelle di preparati a base di ginseng; i ricercatori hanno constatato che i ginsenosidi avevano prodotto un'idratazione degli strati profondi del derma e avevano reso più elastici i tessuti.

 

Contro l'invecchiamento.

Per una cura anti-invecchiamento l'ideale è usare il ginseng sia come integratore che come cosmetico. Per un mesi se prende ogni mattina una capsula di estratto di radice di ginseng (che si trova in farmacia e in erboristeria) prima di colazione con un abbondante bicchiere di acqua: apporterà energia per tutta la giornata e poco per volta renderà la pelle più tonica e luminosa.

 

Mattina e sera si applica sul viso, sul collo e sul décolleté una crema a base di estratto di ginseng, che si trova in farmacia e in erboristeria; è ottima anche come base per il trucco: già dopo poche applicazioni la pelle diventa più tonica, le rughe sono meno profonde e i "cedimenti" della pelle vengono riassorbiti.

 

Per rassodare il corpo.

Per rinvigorire i tessuti provati da periodi di stress, oscillazioni di peso, perdita di tono muscolare e invecchiamento precoce della pelle, il ginseng è un rimedio efficace. Applicato sulla pelle ha l'effetto energetico che ottiene anche sul corpo e sulla mente: stimola il microcircolo, rassoda e vince il rilassamento e l'aridità cutanea che possono sopraggiungere anche negli stadi avanzati della cellulite.

 

Per preparare una crema super rassodante si prende un vasetto di crema nutriente da 100 ml, si aggiungono 10 gocce di olio di jojoba e 10 gocce di estratto liquido di ginseng. Si usa questa crema spalmandola la sera sui punti critici del corpo in cui è più facile che si manifesti la perdita di tonicità (glutei, interno delle braccia e delle cosce ma anche al di sopra del ginocchio).

 

Per aumentare l'efficacia del preparato si può applicare il composto con massaggi specifici. Prima si stende la crema con movimenti rotatori ampi e piuttosto decisi, fino a completo assorbimento, e poi si prosegue battendo velocemente la zona con il taglio delle mani (la battitura serve a tonificare la pelle e favorirne il rassodamento).

 

Si completa l'opera con una serie veloce di pizzicotti leggeri afferrando la pelle tra il pollice e l'indice. Il massaggio deve avere la durata di almeno 5 minuti e va eseguito possibilmente tutti i giorni per un mese, poi 2 o 3 volte la settimana.

È importante ricordare che i massaggi intensi alle gambe sono sconsigliati però alle donne che presentano segni evidenti di insufficienza venosa (vene varicose, fragilità capillare).

 

Olio anti adipe.

Con l'estratto secco di ginseng, la tintura madre di ginseng e alcuni oli essenziali dalle virtù rimodellanti si può preparare un olio utile per combattere i cuscinetti adiposi. Di seguito alcuni ingredienti utili.

 

Olio essenziale di legno di rosa: ha un'azione tonico-stimolante e riequilibrante endocrina. Ideale per pelle tendente alle smagliature.

 

Olio essenziale di lime: l'olio di limone verde tipico del Centro-America è energizzante e rielasticizzante.

 

Olio essenziale di cardamomo: fortemente aromatico è stimolante e rinforzante.

Ginseng in polvere (una capsula di estratto secco): agisce sui depositi adiposi.

In un vasetto si mescolano 10 gocce di ogni olio essenziale a 100 ml di olio di jojoba (o di mandorle dolci) con l'estratto secco di ginseng; poi si aggiungono 30 gocce di tintura madre di ginseng e si mescola per amalgamare a fondo.

L'olio così preparato va conservato in una boccetta di vetro scuro e applicato dopo il bagno.

 

Unguento al ginseng.

Il ginseng ha la capacità di restituire compattezza ai tessuti che appaiono rilasciati e atonici e di ridurre smagliature e strie cutanee. Usalo due volte alla settimana, aggiunto a oli vegetali, per massaggi rassodanti ed elasticizzanti.

 

Per un massaggio rassodante dopo il bagno si può preparare un olio mescolando 3 cucchiai di olio di macadamia (rassodante) con 5 gocce di olio essenziale di rosa (anti smagliature), 3 dl olio di limone (energizzante e depurativo) e 3 di neroli (disintossicante). Si aggiungono 20 gocce di tintura madre di ginseng (elasticizzante e rimodellante) e si mescola fino a ottenere un composto omogeneo.

 

Dopo il bagno si usa la miscela per fare un massaggio su addome e fianchi con la tecnica dell'impastamento. Il composto aiuta a rassodare i tessuti, smuove l'adipe concentrato a livello del girovita e rende più elastica la pelle.

 

Massaggio contro le smagliature.

L'estratto di ginseng in polvere può anche essere impiegato per un massaggio stimolante per il corpo, da eseguire 2-3 volte alla settimana la mattina dopo la doccia. A questo scopo si usano 10 ml di olio di olivello spinoso, che ha effetto riattivante, con 10 gocce di olio essenziale di petit grain, anti-rughe, e il contenuto di una capsula di estratto di ginseng. Si mescolano tutti gli ingredienti per preparare l'unguento che poi si usa per frizionare le cosce, le gambe e i glutei.

 

Leggi anche:  Ginseng per perdere peso

Sponsorizzato

Sponsorizzato


Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    rossana (mercoledì, 15 aprile 2015)

    certo che ha tantisime proprietà . Grazie per le notizie