Herpes labiale: cura e prevenzione

Herpes labiale cura e prevenzione
Herpes labiale

L’Herpes labiale è doloroso, antiestetico e recidivo, ma con una buona profilassi e l'aiuto di prodotti 100% naturali, che agiscono in superficie o dall'interno, è possibile contrastarlo.

 

Conosciuta anche come "febbre delle labbra", questa infezione porta con sé arrossamento, prurito misto a dolore e formazione di piccole vesciche sierose.

Herpes labiale: cause sintomi prevenzione e cura

Provocato dal virus Herpes simplex, l'herpes labiale è una delle infezioni più fastidiose e comuni.

 

Sono molte le cause che possono portare alla sua comparsa: abbassamento delle difese immunitarie, stress, ciclo mestruale, esposizione al sole o vento freddo, trattamenti antibiotici. 

 

Prevenzione e cura dell’Herpes labiale.

L’Herpes labiale si può prevenire, almeno in parte, evitando le concause, proteggendo e idratando le labbra con prodotti specifici (burro dì cacao o di karité) e con una dieta ricca di vitamine del gruppo B.

 

I cibi da evitare.

Chi soffre di herpes labiale dovrebbe evitare frutta secca (come noci, mandorle, anacardi, arachidi ecc), cocco, cioccolato e gemme di grano perché contengono sostanze che, in soggetti predisposti possono favorire lo scatenarsi dell'infezione virale.

 

È fondamentale rinforzare le difese immunitarie e cercare di limitare lo stress. La fitoterapia ci può aiutare con piante come l'echinacea, l'eleuterococco e l'uncaria, che hanno proprio la capacità di stimolare il sistema immunitario, e possono essere utilizzate come prevenzione dell’Herpes labiale.

 

Quando il virus si manifesta, conviene intervenire con antivirali in crema o compresse (nel caso di lesioni molto estese) che bloccano la sua riproduzione.

 

La guarigione dall’Herpes labiale avviene nel giro di 7-10 giorni, ma la terapia deve essere protratta per qualche giorno in più per evitare ricadute.

 

L'aiuto che viene dalla natura.

Anche se la malattia è in atto e stiamo usando l'antivirale, possono essere utili tea tree oil oppure olio essenziale di manuka, particolarmente efficaci in caso di afte e herpes.

 

Se applicati in tempo (appena si ha la sensazione dell'arrivo dell'herpes) possono evitare la comparsa delle vescicole.

 

L'alga Nori, ricca di mucillagini, usata esternamente protegge la cute lesa dalla desquamazione.

 

Contiene, infatti, abbondanti quantità di acido gamma-linolenico, indispensabile per rigenerare i fosfolipidi danneggiati.

 

Altro rimedio è la camomilla: da sempre usata per placare dolore e infiammazione, è utile anche per lenire il dolore causato dall'herpes.

 

Infine, la melissa, per uso interno, ha proprietà antivirali che intaccano direttamente l'herpes, ma ha anche la capacità di ridurre lo stress.

 

Di conseguenza, il virus viene danneggiato internamente, proprio nella causa che lo scatena.



Scrivi commento

Commenti: 0