Disintossicarsi a primavera

Come disintossicarsi ed eliminare le scorie dell'inverno. L'arrivo della primavera stimola in noi la voglia di cambiamenti: in casa, nell'armadio. Desideriamo che il cambio di stagione porti con sé un nuovo inizio.


Come disintossicarsi a primavera: consigli e tisane depurative
Disintossicarsi a primavera

Per partire con il piede giusto, vediamo come eliminare tutte le scorie accumulate durante l'inverno.

 

La brutta stagione si associa ad una vita sedentaria e ad un consumo più frequente di cibi grassi.

 

L'alimentazione scorretta, l'inquinamento ambientale ed eventuali terapie farmacologiche causano l'accumularsi di tossine.

 

Stanchezza, cali di attenzione, irritabilità, cattiva qualità del sonno e disturbi legati alla digestione possono essere sintomi di uno stato di intossicazione contro cui si possono adottare alcuni accorgimenti.

 

L'acqua costituisce circa il 70% del nostro corpo; ogni giorno eliminiamo circa 1 litro e 1/2 di liquidi attraverso urine, sudore, traspirazione.

 

È fondamentale per disintossicarsi bere armeno 2 litri di acqua al giorno, preferibilmente lontano dai pasti.

 

Una regolare assunzione di liquidi agevola l'eliminazione delle tossine (ottimi anche tisane, té, succhi di frutta). Una bevanda particolarmente indicata a questo scopo è il té verde, ricco di proprietà antiossidanti e anti radicali liberi.

 

Queste tossine si accumulano anche nell'organismo di soggetti, che praticano costantemente sport, come conseguenza dell'allenamento.

 

Anche chi conduce una vita attiva e salutare non deve sottovalutare l'importanza di depurare periodicamente l'organismo, per mantenersi sempre in piena forma. Il rituale della sauna allontana le tossine attraverso la sudorazione.

 

Se non esistono controindicazioni (pressione alta troppo bassa, o disturbi cardiaci), ci si può avvicinare a questa pratica tradizionale, che non mancherà di fare sentire i suoi benefici.

 

Importante alternare correttamente pause e doccia alla seduta in sauna.

Anche in questo caso è fondamentale una continua reidratazione.

 

In alcuni casi la depurazione sarà mirata al ripristino del benessere di alcuni organi o tessuti specifici, vediamo quali.

 

Il fegato è uno degli organi deputati ad eliminare le tossine; un'alimentazione ricca di grassi o eccesso di alcool può sovraccaricarlo di lavoro. Risultato: digestione difficile, alito pesante, mal di testa, spossatezza.

 

Integratori fitoterapici a base di rosmarino, cardo, curcuma possono aiutare il fegato a recuperare funzionalità. Il tessuto connettivo risente particolarmente dell'accumulo di tossine.

 

Tale eccesso di liquidi all'interno dell'organismo si manifesta con ritenzione idrica, gonfiore, pesantezza alle gambe. In questo caso sono consigliabili piante ad azione drenante e depurativa come spirea, verga d'oro e galium.

 

La pelle è uno dei primi organi a manifestare gli effetti di un organismo oppresso dalle tossine: comparsa di brufoli, cute grassa o colorito spento ed opaco. Una depurazione mirata può essere certamente utile per recuperare un aspetto sano.

Disintossicarsi con 2 Tisane depurative e snellenti

Rinnova i tessuti e snellisce. Prova questa tisana.

 

Ingredienti:

20 g di radice di tarassaco.

20 g di gambo d'ananas.

30 g di radice di gramigna.

Preparazione e modo d'uso.

Mescola gli ingredienti consigliati nelle dosi indicate o fai preparare la miscela dall'erborista.

Versa 2 cucchiaini del composto in una tazza di acqua bollente. Fai bollire per 10 minuti e spegni.

Lascia in infusione per 5-10 minuti, filtra e bevi. Puoi dolcificare con un cucchiaino di miele di tarassaco.

La dose consigliata.

Bevi una tazza della tisana anche prima di coricarti.

 

Il miele di tarassaco: un potente drenante. 

Il miele di tarassaco, dal profumo intenso e del colore giallo ambrato, è un alimento con proprietà altamente depurative e arenanti.

 

Contribuisce a mantenere in efficienza le funzioni epatiche, svolge un'azione benefica sui reni.

Questo alimento risulta quindi il dolcificante naturale ideale per una tisana anti ristagni.

 

Tisana super diuretica.

Ingredienti:

20 g di foglie di ortica.

20 g di foglie di equiseto.

20 g di radice di gramigna.

20 g di peduncoli di ciliegia.

20 g di foglie di betulla.

Preparazione e modo d'uso.

Procurati gli ingredienti dall'erborista e prepara la miscela indicata. Poni 2 cucchiaini del mix in 250 ml d'acqua bollente, fai sobbollire in un recipiente coperto per 5 minuti. Lascia in infusione 5 minuti e poi filtra.

 

La dose consigliata.

Bevi una tazza già al mattino, appena sveglia, a digiuno.

 

Aggiungi le foglie di nocciolo e snellisci le gambe.

Se il gonfiore è concentrato sulle gambe che appaiono pesanti, puoi aggiungere alla tisana 20 g di foglie di nocciolo, una pianta che agisce contro i ristagni e aiuta a restituire leggerezza agli arti inferiori.


Se lo specchio ci restituisce un'immagine grigia ed ancora invernale rivolgiamoci al nostro farmacista di fiducia, che, in base alle esigenze personali ed allo stile di vita, potrà fornire preziosi consigli per disintossicarsi a primavera.

 

Ti potrebbe interessare anche:

 

Dieta "Iene" per disintossicarsi dai metalli pesanti

 

Dieta di primavera

 

Dieta disintossicante 1 giorno

 

Dieta detox indiana

 

Scrivi commento

Commenti: 0